Questo sito usa cookie per migliorare la tua esperienza internet.

Analisi delle prestazioni dell’algoritmo Odometrico (SSC/SCMT BL3) a bordo dei rotabili VM370

Scopo ed oggetto della collaborazione che vede impegnato MDM Team con Alstom è la valutazione delle prestazioni dell’algoritmo odometrico per sistemi SSC/SCMT baseline 3 su rotabili VM370, progettati per effettuare lavori di manutenzione su reti ferroviarie RFI in interruzione di linea. I rotabili VM370 sono realizzati con interconnessione meccanica dei due assi (assi accoppiati), che non rende indipendenti i due sensori odometrici (GIT) posizionati sugli assi stessi.

È stato sviluppato un modello 2D del veicolo in ambiente Amesim focalizzatosi sulle parti fondamentali relative la trasmissione della coppia motrice all’assile, la descrizione geometrica dell’assile e della cassa e delle forze che condizionano il movimento del veicolo. Con lo scopo di riprodurre in modo più accurato la dinamica del veicolo in fase di trazione e frenatura è stato sviluppato un modello 3D.

Il modello è stato validato in una fase preliminare valutando lo spazio di arresto del veicolo e confrontandolo con quanto ottenuto con una coppia frenante ricavata dalla Fiche UIC 544-1. Le prestazioni odometriche sono state valutate in diverse condizioni operative riguardanti il coefficiente di aderenza del tracciato confrontando i risultati sia con assi connessi che disconnessi. Gli scenari di pattinamento analizzati sono stati resi disponibili da test RFI e differiscono l’un l’altro per diversi valori del coefficiente di attrito del tracciato.

Per valutare anche il comportamento dell’algoritmo in fase di slittamento è stato simulato un test di trazione. Sono state analizzate le prestazioni in termini di errore accumulato nella stima della posizione e velocità del veicolo facendo riferimento alle specifiche funzionali del SST e di SSB [1], definite per il sistema SCMT.

In particolare, per ogni scenario è stato fatto un confronto tra i profili di velocità ottenuti dal modello, quelli ricavati dai GIT e infine quelli stimati dall’algoritmo odometrico sia con assi accoppiati che disaccoppiati. I risultati ottenuti mettono in evidenza errori di stima contenuti nei limiti imposti dalla specifica del SSB mentre nel caso del SST ci sono sovrastime dello spazio percorso oltre i limiti, garantendo comunque prestazioni in sicurezza (a patto di una minore disponibilità del servizio).

Al fine di consolidare il modello del veicolo è stata pianificata un’attività sperimentale che prevede delle prove di trazione, frenatura (in aderenza) e di coasting per valutare la coppia di trasmissione, le caratteristiche dell’impianto frenante e le resistenze di avanzamento. È prevista prossimamente un’estensione delle simulazioni agli altri modelli di rotabile della piattaforma WM370.

 

[1] Trenitalia: Odometria SCMT Specifica requisiti funzionali n° 372574 esp.03

 

© 2016 MDM Team Srl. All Rights Reserved - VAT: 06282350484 - via Venezia, 4, 50121, Florence, Italy